Category Archives: Blog

Trangallan Spanish Restaurant Review

Trangallan is an atmospheric spanish tapas bar located in Newington Green. In both occasions we visited the food was fantastic. We had, as a starter, the vesuvio tomato, strawberry & basil salad and the lomo iberico. As for the main, we ordered the beef tenderloin, which was really well cooked, and the iberian pluma pork. Not only the food is marvellous at Trangallan but also the atmosphere is amazing.

Tour di East London – Il sabato a Londra perfetto

Ogni volta che amici italiani visitano Londra cerco di convincerli a seguire il motto di LondraMia “dimentica il Big Ben e scopri la vera Londra”.

Ricordo ancora con affetto la prima volta che visitai Londra circa 12 anni fa. In quell’occasione partimmo in 4 giovani ed inesperti prenotando un ostello a due passi da Piccadilly Circus, nel corso del weekend non salimmo nemmeno una volta su un mezzo pubblico troppo assuefatti dalle cose da fare intorno a Leicester Square ed Oxford Circus. Durante quei tre giorni di lunghe camminate al freddo ogni tanto ci ritrovavamo a passare davanti allo stesso ponte o alla stessa statua domandoci se ci fosse davvero qualcos’altro da vedere. Erano tempi in cui Lonely Planet ancora non esisteva e le mappe non erano app interattive ma pezzi di carta spiegazzati impossibili da ricomporre una volta aperti.

Devo ammettere che questa prima esperienza londinese mi aveva comunque affascinato molto sebbene avessi anche la sensazione di essermi perso molte delle cose da scoprire sotto la superficie del turismo tradizioale.

Oggi, pensando a come un turista/viaggiatore dovrebbe vivere la giornata ideale per apprezzare la Vera Londra non ho dubbi nel considerare un Tour di East London la scelta perfetta.

Avendo vissuto in Upper Street (Angel), Bricklane e Dalston ho avuto l’occasione di girare in lungo e in largo i quartieri piu’ trendy degli anni scorsi (oggi le zone piu’ cool sono molto piu’ verso Nord Est o Sud Est come Peckham) ma queste sono anche zone dove l’hispterismo raggiunge livelli eccessivi.

Mi piace quindi raccomandare di cercare il lato autentico di parti della città che probabilmente hanno perso molto del loro spirito innovativo ma che ancora mantengono un carattere molto più intenso di qualsiasi altra zona.

Finita l’introduzione, ecco il percorso a tappe del Tour di East London– il sabato pefetto:

  • Comincia presto ma non troppo presto facendo colazione ad Hackney Bakery, la panetteria di East London piu’ famosa dove il lievito utilizzato quotidianamente per creare degli straordinari “loaf” e’ vecchio piu’ di 130 anni. La scelta giusta in questo posto e’ pane e marmellata con un cappuccino. Non farti tentare dagli altri dolci, il viaggio culinario di oggi sara’ lungo!
  • Costeggia gli archi della ferrovia, raggiungi ed attraversa il parco di London Fields, recentemente sono stati piantati centinaia di fiori che creano colori e profumi inebrianti
  • In fondo al parco vedrai l’inizio del mercato Broadway Market, prima di inoltrarti in quella via raggiungi verso sinistra una zona del mercato un po’ meno busy e occupata principalmente da artisti locali e venditori di mobili vintage (lo scafffale della nonna a £450 e’ uno shock inevitabile!)
  • Torna indietro e comincia a percorrere la principale del mercato, ogni “stall” offre un’esperienza sensoriale diversa, si parte con risotto ai funghi, passando per tipiche gallette francesi, piatti tipici del sud dell’India, baguette vietnamite e salsicce tedesche. A seconda dell’appettito suggerisco un piccolo spuntino, magari un veggie burger fatto con verdure e halloumi giusto per stare leggeri
  • Alla fine di Broadway Market incrocerai il canale, in un altro articolo raccontero’ la giornata perfetta sul canale, magari una Domenica. Attraversa il ponte e vai verso il parco Haggerston passando davanti a Little Georgia, un cafè molto stiloso gestito da un artista georgiano
  • Prima della fine del parco entra nella Fattoria, ok suona strano ma nel mezzo di East London uno dei luoghi che ti fanno dimenticare di stare in una metropoli è proprio Hackney City Farm. Papere, asini, capre ma soprattuto enormi maiali vivono spensierati pronti ad offrirsi ai numerosi scatti di Instagram di chi scopre questa novità.
  • Dentro ad Hackney City Farm vi è Frizzante, agriturismo italiano con tocchi di inglesità gestito da un ragazzo di Verona. La prima volta che entrai il menu’ scritto sulla lavagna era il tipico pranzo a casa della nonna, polenta con el luccio incluso! Ogni piatto qui vale la pena di essere provato.
  • Finito il pranzo spostati verso Columbia Road, a due passi dalla fattoria. In questa strada, famosa per il mercato dei fiori della domenica troverai una serie di piccoli negozi ricchi di ottime ed alternative idee regalo.
  • Continua verso Sud attraversando la zona residenziale fino ad arrivare a Bricklane. Non farti tentare dalle poche bancarelle. Bricklane va vissuta di domenica! Ma giusto dopo i due Bagel Shop (da provare alle 5 di mattina in quanto aperti 24 ore su 24) vi è uno dei bar con il caffè migliore, ricorda che non si tratta di espresso Lavazza ed il sapore forte di chicchi bruciati non è per tutti i palati
  • A questo punto si sta avvicinando l’ora del tramonto, affrettati a raggiungere un punto in alto! La migliore vista e’ sicuramente dalla cima della Heron Tower raggiungibile camminando attraverso Spittafield market passando davanti a Ten Bells, dove potrai provare una delle ottime birre nel pub preferito di Jack lo Squartatore.
  • Per riuscire a salire sulla cima del grattacielo ricorda che a partire dalle 6pm vige il dress code, quindi si sale al 60esimo piano solo con le scarpe buone. Due ristoranti/bar di classe si trovano sulla punta del palazzo: Sushisamba, misto sud-america e giappone con ottimi ma costosi cocktail e Duck&Waffle, ristorante di alto livello (ovviamente al 61esimo piano) ma con piatti a prezzi abbordabili ed aperto 24 ore su 24.

A questo punto il turista medio sarà già distrutto dalla giornata ma se grazie a pinte e cocktail ti senti di continuare spostati verso Shoreditch a provare alcuni dei fanstastici cocktail bars.

Prossimamente l’articolo Cocktail Bar Tour a Shoreditch per la notte ideale in East London

P.S.

Commenta qui sotto se conosci qualche posto che valga la pena di essere aggiunto al Tour di East London

 

 

7 combinations for the perfect dinner+cocktail night in London

A list of top cocktail bars, pub and restaurants for the perfect night out in London organized by area. Useful ideas for a date. Maybe a little bit too focused on Central and a bit of East London. Suggestions and comments are very welcomed!

Liverpool street area

Pre or post dinner drink:

http://www.whistlingshop.com/ – Great hidden cocktail bar

Dinner

http://duckandwaffle.com/menus/all-day/ – English food on the top of heron tower. An experience in itself before the food.


Soho

Pre or post dinner drink

Experimental Cocktail Bar – as the name suggests

Dinner:

http://boccadilupo.com/ fantastic Italian food


London Bridge/Bermondsey

Pre or post dinner drink:

http://www.timeout.com/london/bars-pubs/atrium-bar-at-aqua-shard – great views

Dinner:

http://www.thegarrison.co.uk/#menus/dinner/ – british gastropub


Old street

Pre or post dinner drink:

http://www.barnightjar.com/ LondraMia’s favourite cocktail bar

Dinner:

www.theprincessofshoreditch.com/Food-menu/dining-room.html – Fine food gastropub


Soho 2

Pre or post dinner drink:

http://www.opiumchinatown.com/drink.html – Interesting cocktails and lovely dim sum

Dinner:

http://www.socialeatinghouse.com/menus/a-la-carte/ British fusion


Covent garden

More a post dinner drink with light burlesque shows

http://www.cellardoor.biz/ – Best old fashioned in town

Dinner:

http://www.operatavern.co.uk/menu/tapas – british tapas


Whitechapel

Pre or post dinner drink:

http://en.wikipedia.org/wiki/Ten_Bells – Jack the Ripper favourite pub

Dinner:

http://www.maedahgrill.net/menu.htm – Turkish halal food

Enjoy!!

Elenco delle 10 cose peggiori di Londra

.1. In agosto piove “quasi” SEMPRE, nonostante ogni anno sia destinato a essere il mese più caldo dell’estate

 

2. Il tempo trascorso sui mezzi pubblici può a volte essere una parte importante della giornata, nonchè fonte di misantropia

 

3. A volte l’opzione migliore di un menù è effettivamente un piatto di patatine fritte con la maionese

 

4. Nel weekend è possibile assistere a certe scene che non rendono giustizia alcuna al concetto di femminilità, ovvero eserciti di ragazze ubriache quanto un cosacco russo (nb gli uomini non sono da meno)

 

5. Il caos. La quantità di gente che riempie costantemente le strade è enorme ec’è sempre una fila da fare (bagno, bancomat, cassa, etc.)

 

6. Al supermercato vendono i tortellini ripieni di pollo al curry e i pomodori hanno un sapore più simile a quello dell’acqua che della terra innaffiata dal sole

 

7. È praticamente impossibile risparmiare, con l’affitto di una stanza singola in zona 2 a Londra ci si potrebbe permettere una casa intera in molte località italiane

 

8. Non ci sono molti inglesi… Chiunque si trasferisca a Londra per imparare l’inglese si troverà a frequentare persone provenienti da tutti gli angoli del pianeta tranne l’Inghilterra.

 

9. Prima di guardare il lato giusto della strada al momento di attraversarla si rischia di essere investiti da un autobus almeno una buona decina di volte

 

10. Il tempo passa troppo veloce. Sembra di essere in una bolla spazio temporale dove settimane e mesi si susseguono senza che la gente effettivamente se ne accorga

Leggi il post sulle cose migliori da fare a Londra

Elenco delle 10 cose migliori da fare Londra

• La vista della città dalla cima di Parliament Hill nel parco di Hampstead Heath nelle lunghe sere d’estate, dopo aver trascorso una giornata tra pic nic, chiacchere con amici, libri, sole (almeno si spera) e risate.

collina più bella di londra

• Il Sunday Roast in un gastro pub come si deve, perchè anche gli inglesi amano il pranzo della domenica: The Bull and Last a Kentish Town, The Albion a Angel, the Fox and Anchor a Smithfield market, Princess of Shoreditch a Old St, French House a Soho e la lista potrebbe continuare praticamente all’infinito.

• I mercatini, che siano di cibo piuttosto che vintage o addirittura di fiori. Ogni quartiere nasconde un mercato che nel weekend diventa il protagonista incontrastato di un’intera via e vede pigre passeggiate, occhiali da sole che cercano di nascondere gli eccessi della sera precedente, turisti affamati di shopping e banchi colorati. Brick Lane, Portobello, Columbia Road, Camden, Spitalfield, Broadway Market, etc.

• La passeggiata lungo il Tamigi da Westminster al Tower Bridge, che potrà sembrare banale ma anche dopo anni è sempre emozionante.

• Un giro turistico sull’autobus 24. Partendo dalla zona posh di Pimlico questo simpatico bus offre un’ottimo tour dei principali monumenti della città (Victoria, Westminster, Big Ben, Trafalgar Square) per arrivare fino a nord di Camden, consigliato particolarmente di notte.

• Il bar della Tate Modern che offre la completa skyline della città dal settimo piano di uno degli edifici più belli della città, e soprattutto un cappuccino Illy fatto ad arte.Tate Modern

• I concerti nei pub di Camden, dove l’anima rock’n’roll inglese aleggia nelle sale del Hawley Arms, The Lock Tavern, The Crown and Goose dove potresti benissimo trovarti in bagno con Amy Winehouse.

• L’afternoon tea, rigorosamente alle 5pm, in un super albergo a West London per sentirdi un po’ come la Regina, anche se lei non ha bisogno di prenotare con mesi di anticipo.

• Le notti londinesi che iniziano con qualche birra al pub dopo il lavoro e possono finire nel più impensato dei locali a East London (Dalston, Hackney), in una discoteca gay a Soho o ad un party di qualche amico di amici. Fortunatamente c’è sempre un nightbus che ti riporta a casa (o in casi estremi Adison Lee).

• Gli show che è possibile vedere; danza, teatro, musica…tutto il meglio del mondo passa da Londra. Brixton Academy per i concerti, Saddlers Wells per la danza, BFI solo per nominarne 3 di una lista lunga kilometri.

Questo è solo uno dei tanti elenchi delle cose per cui non ci si può non innamorare di Londra. Suggeritene altri…

Leggi il post sulle cose peggiori da fare a Londra

Per vivere a Londra devi saper scegliere la zona giusta

Ogni volta che mi trovo ad attraversare Piccadilly Circus durante il weekend provo una sensazione di sollievo misto compassione per gli sguardi sperduti dei turisti che cercano di districarsi tra I fiumi di persone che popolano il famoso incrocio.

Il sollievo e’ dato dalla sicurezza di non dovermi trovare piu’ in quella situazione all’orlo del panico “E adesso dove andiamo?” che, nella particolare abbinata con fame e stanchezza dopo ore di shopping, puo’ regalare (in senso figurato visto che I prezzi in centro a Londra non sono gli stessi dell’osteria di paese) I pasti peggiori della nostra vita. Avendo avuto quello sguardo, e quei pasti, anch’io in passato, ho deciso di condividere la mia personale rubrica di indirizzi utili per vivere a Londra ed aiutare il povero turista a sentirsi un po’ piu’ londinese anche se solo per la durata di un weekend.

Mi ci sono voluti alcuni mesi per cogliere la caratteristica fondamentale di Londra ma non appena sono stata illuminata da questa fantomatica Eureka tutto ha preso una nuova luce, persino il cielo grigio nelle tipiche giornate di pioggia autunnali.

La domanda chiave per capire chi si ha di fronte ad ogni nuovo incontro a Londra e’ “Dove abiti?”, prova della personale caratterizzazione che ogni quartiere di questa citta’ ha e di come sia parte della personalita’ di chi vive Londra.

Ad una festa una volta ebbi questa conversazione con un ragazzo inglese, vivevo a Londra da un paio di mesi:

Lui: “So where abouts do you live in London?” Dove vivi a Londra?

Io: “Putney Bridge, near Fulham” A Putney Bridge, vicino a Fulham

Lui: “I see…we live in two different cities then” Capisco…quindi viviamo in due citta’ diverse

Io (con espressione interrogativa): “Sorry?” Scusa?

Lui: “I mean you live in South London, it’s not my city. I’m from North London” Cioe’ tu vivi nel Sud di Londra, non e’ la mia citta’. Io vengo dal Nord di Londra

Io: “…”

Ora io probabilmente darei la stessa risposta (vivo a North London) perche’ la principale distinzione e’ proprio nord e sud. Stereotipando il sud e’ la Londra da cartolina, tutte le casette vittoriane bianche in fila, le strade pulite, le vecchiette inglesi che passeggiano coi cani, I negozi di abiti su misura, le ragazze bionde che la Domenica passeggiano comode nei loro Ugg dopo le serate mondane nei club del West End, etc etc.

Il nord (che comprende l’east end) e’ invece la Londra alternativa, nido del rock e del punk negli anni 70, strade piu’ sporche ma sicuramente piu’ frequentate durante la notte, pub che sono ormai locali di tendenza dove trovarsi per l’aperitivo o addirittura per la cena, concentrazione di tutto cio’ che e’ nuovo e originale, melting pot di culture che s’intrecciano fino a confondere I confini e molto altro.

Logicamente non e’ una regola assoluta ma riuscendo a collezionare I dove-come-quando migliori di ogni zona non ci si trovera’ mai piu’ impreparati in qualsiasi angolo della citta’ e visitare o vivere a Londra sarà un’esperienza ancora migliore.